domenica 14 novembre 2010

Pirottini di cioccolato: cronaca di una "mezza" delusione in cucina


Avevo già accennato al fatto che oltre a tanti successi combino anche tanti pasticci. Ok, sono le regole del gioco, bisogna abituarsi alle piccole sconfitte in cucina. Ma questi pirottini di cioccolato sembravano così semplici da fare, proprio alla mia portata!

Niente di più sbagliato: ci sono alcune variabili che non ho calcolato (managgia a me che non sono brava nelle materie scientifiche, una mente metodica mi avrebbe semplificato il lavoro!).

Però voglio comunque spiegarvi come si fanno e magari darvi qualche consiglio ad hoc per evitare i piccoli (si può dire che sono piccoli?) errori che ho commesso. Beh per fortuna era solo un esperimento, i nobili della Roma bene sanno che io sono più portata per le cose pratiche e quindi mi commissionano le ricette a cui ormai sono affezionati da anni e in cui io sono impeccabile, sempre (tsè, la classe non è acqua).

Partiamo dal presupposto che sono semplicissimi da spiegare ma complicatissimi da realizzare. Ecco, ora vi ho scoraggiato, non li farete mai! No, non volevo buttarvi giù, provateci almeno prima di pronunciare quello che ho appena detto.

Allora per fare questi pirottini di cioccolato basta sciogliere il cioccolato a bagnomaria (mi raccomando questo è un passaggio importantissimo, non fatelo sul fornello) e poi spennellare i pirottini di carta come in questa foto:

 


Poi li mettete in freezer per circa 20 minuti o comunque fino a quando il cioccolato si è solidificato e poi arriva la parte difficile: strappare la carta del pirottino. E voilà lo stampino di cioccolata è pronto!

Semplice no? Ecco allora i consigli che lascio a tutte le/i coraggiose/i in cucina:
  1. cercate di prepararli quando la temperatura esterna e interna alla vostra casa si aggira intorno ai -18 gradi (così siete sicuri che non vi si sciolgano tra le mani mentre togliete la carta) 
  2. la fase dello strappo è molto delicata: cercate di farvi crescere le unghie di qualche centimetro oppure chiamate Edward Mani di Forbici ad aiutarvi (peccato fosse impegnato a sistemare il giardino di Madame de Pompadour, non è potuto venire ad aiutarmi)
  3. appena fatti serviteli subito: non vorrete mica ibernarvi e risvegliarvi il secolo prossimo? (tanto nel 2012 finisce il mondo, non vi risvegliereste comunque)
    Buona fortuna!







    Chocolate cups: chronicle of a tiny "disappointment" in the kitchen

    I've already told you about my successes and also about my defeats making cakes and sweets. But these chocolate cups for muffins has seemed so easy to prepare!

    I made a mistake! There were some variables that I hadn't calculated, damn!
    I'd like to explain you how to make these chocolate cups, anyway. And I'd like to give you some suggestions to avoid my mistakes.
    Fortunately aristocratic people from Rome just order me cakes which they are affectionated and which I am really good.

    First of all, it's really easy to explain how to make these shapes but it's a little bit difficult to make them. Well, with this sentence I've discouraged you, you won't ever make them! No, I haven't wanted to let you down, you must try before to say that it's difficult!

    So, melt chocolate and brush the paper cups with it. Put into the freezer for about 20 minutes. Take away the paper and you will have your chocolate cups ready to contain muffins or cupcakes.

    It's easy, isn't it? So, let me give you some advise for a great result:

    1. make these chocolate cups when the temperature inside and outside is about -18 degree (about -4 Fahrenheit), this way chocolate won't melt while you will take away the paper
    2. take away the paper is a little bit difficult so, with long nails you'll make things easier, otherwise call Edward Scissorhands to help you (unfortunately he was busy doing gardening at Madame Pompadour's, he couldn't come help me)
    3. serve them as soon as possible: you don't want to hibernate yourselves and wake up next century, do you? (unfortunately on 2012 the world will end, so you won't wake up anyway)
    Good luck!

    18 commenti:

    1. L'importante è imparare dagli errori o problemi che possono capitare e tu sei riuscita a cavartela alla grande!un ulteriore consiglio che mi permetto di darti è quello di fare dopo la prima passata di cioccolato e "asciugatura"in freezer,anche una seconda passata e secondo riposo in freezer,in questo modo il guscio di cioccolata viene più rigido e spesso ed è meno incline alla rottura, buona domenica cara!

      RispondiElimina
    2. ^_^
      eccezionale!
      Frafra

      RispondiElimina
    3. @ Nel cuore dei sapori: hai ragione, sicuramente io ho ancora molto da imparare! Senti però non ho capito bene: praticamente tolgo i pirottini dal freezer e poi dopo quanto tempo li rimetto? grazie i tuoi consigli sono preziosi!

      @ Frafra: grazie cara!

      RispondiElimina
    4. oh yes my darling, here in Italy it's a must!!!! try and tell me!!!! :)

      RispondiElimina
    5. I've learnt my mistakes too from failures. Love your chocolate cups :)
      Thank you for visiting my blog, hope to hear from you again.

      RispondiElimina
    6. davvero l'hai trovato difficile?
      io per ora ho fatto solo dei cestini (pellicola all'esterno di un pirottino di alluminio capovilto, e disegno sopra una gliglia a forma di sestino) è venuto non c'è male (forse perché stavvare la pellicola è più semplice???)!!!
      il pirottino ancora non ho provato, ma credevo fosse semplice anche io!
      proverò e ti dirò!

      RispondiElimina
    7. @ Anncoo: you're right we need to fail if we'll want to improve! thank you so much, i'll visit you sooner!

      @ Cle: si di 4 che ne ho fatti quello che vedi sopra è l'unico che non mi si è distrutto completamente!!!!ahahahah cmq la cosa difficile è stato togliere la carta, da una parte c'è il rischio che ti viene via anche il cioccolato dall'altro il cioccolato ti si scioglie tra le mani... allora meglio farli quando si gela!!!! :)

      RispondiElimina
    8. Non ho mai provato...ma è una di quelle cose che dico sempre "sa da fare"...certo non mi hai fatto coraggio...ma mai scoraggiarsi al primo problema :)

      RispondiElimina
    9. dai dai elenuccia!!! prova che magari hai più fortuna (e soprattutto manualità) di me!!!! alla fine sono veloci da fare, fammi sapere! ;)

      RispondiElimina
    10. mi fai morire dalle risate vale!
      ahahah

      RispondiElimina
    11. ehehehehe Dany! grazie ogni tanto bisogna ridere dei propri piccoli insucessi :)

      RispondiElimina
    12. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

      RispondiElimina
    13. sei simpaticissima! che buoni i pirottini di cioccolato!!!!! un bacione grande ! :*

      RispondiElimina
    14. Ciao Valentina! Il nome del blog promette bene ma i tuoi post ancora di più! In cucina a volte va bene a volte meno, con la pratica però si migliora. I pirottini di cioccolato sono sfiziosi e tu molto simpatica!

      RispondiElimina
    15. ciao Tania! ma grazie sei gentilissima!!! si si migliorerò senz'altro magari seguendo i tuoi consigli e tue ricette che sono fantastiche!

      RispondiElimina
    16. :)) sei troppo carina!! io non mi sarei mai avventurata le mie mani sono sempre a 38° irrealizzabili per me!!
      baciuzzi
      Vero

      RispondiElimina
    17. devo assolutamente trovare un modo alternativo per fare questi pirottini adatto a noi che abbiamo le mani calde!!!! se lo trovo ti faccio sapere!

      RispondiElimina